News

Stati Generali del Mercato delle Gaite: una scommessa vinta

  • dicembre 5, 2018

Stati Generali del Mercato delle Gaite

Una scommessa vinta

STATI GENERALI – Domenica 18 ottobre, a Bevagna, si sono tenuti gli Stati Generali delle Gaite, voluti fortemente dall’Associazione Mercato delle Gaite e dal suo Presidente, Claudio Cecconi. L’invito rivolto a tutti a partecipare per esprimere la propria opinione è stato accolto positivamente: il popolo delle Gaite e la città, nelle sue varie istanze, hanno accettato la sfida ed hanno partecipato dedicando una intera domenica a fare il punto sullo stato di salute della manifestazione e soprattutto ad individuare nuovi percorsi per renderla sempre più bella, di qualità e maggiormente fruibile dal pubblico. Affollata la plenaria della mattina con gli interventi istituzionali a cui ha corrisposto un ricco dibattito dal pubblico. Ma la vera novità è stata la bella partecipazione ai gruppi di discussione del pomeriggio, in cui alle presenze qualificate dei veterani si sono aggiunte le nuove energie: molti i giovani presenti per portare un significativo contributo in termini di proposte ed idee.

Accolta con soddisfazione la ribadita disponibilità dell’Amministrazione comunale a sostenere la manifestazione più importante dell’anno, quale volano di promozione turistica per l’intero territorio, a partire dalla significativa apertura verso una vecchia e sempre presente idea dell’Associazione che da anni ha tra i suoi sogni nel cassetto quello di un Museo diffuso delle Gaite.

L’Associazione ha chiuso il pomeriggio ringraziando tutti i partecipanti, dai relatori Franco Franceschi, referente scientifico del Mercato delle Gaite da oltre vent’anni, al Sindaco, all’ospite del pomeriggio Federico Fioravanti, ideatore del Festival del Medioevo di Gubbio, agli intervenuti dal pubblico, come il professore Roberto Segatori, amico di vecchia data della manifestazione. Ma un grazie particolare è stato rivolto ai giovani che insieme alla vecchia guardia, in un confronto ricco e serrato, hanno animato i gruppi di discussione.

Da molto non si vedeva a Bevagna un clima tanto collaborativo ed appassionato. Inizia da qui il percorso per un trentesimo della Manifestazione ricco di sorprese e di novità.